Interessante

Come sbarazzarsi dei bruchi processionari?

I bruchi processionari non sono solo dannosi per i pini, ma anche pericolosi per l'uomo e gli animali. In effetti, i loro peli pungenti causano reazioni allergiche a volte violente. Pertanto, rappresentano una minaccia per la natura e la salute. Ecco le soluzioni per sbarazzarsi di questi esseri nocivi.

Elimina i bruchi processionari

Come si sviluppano i bruchi processionari?

In estate, le larve dei bruchi processionari si trasformano in farfalle di colore grigio. Come risultato di questa metamorfosi, le farfalle depongono circa 100 uova sui rami di pino, soprattutto in spessi bozzoli. Un mese e mezzo dopo, le uova si schiudono e danno vita ai bruchi processionari. Questi ultimi creano quindi un nido in grado di proteggerli dal freddo. Il loro nido ha proprietà sorprendenti per garantire la loro sopravvivenza. Infatti, la temperatura interna aumenta catturando i raggi del sole. Più è caldo, più veloce è l'evoluzione di queste specie di insetti. In primavera i bruchi lasciano i loro nidi alla ricerca di un rifugio nella terra dove possono rimanere fino all'estate. Nel frattempo si trasformeranno in farfalle, si accoppieranno e il ciclo riprenderà.

Bruchi processionari: insetti pini assassini

Chiamate anche "le processionarie del pino", bruchi processionari hanno un corpo nero con macchie rosse. Si muovono in fila indiana e si nutrono principalmente diaghi di pino. Queste specie di lepidotteri causano quindi danni significativi agli alberi, tra cui il pino parasole, il pino marittimo, il pino di Aleppo, il pino nero austriaco, ecc. Nutrendosi di quest'ultimo, infatti, si osservano due conseguenze:

  • Defogliazione che porta alla perdita della crescita degli alberi e al ridotto potere fotosintetico;
  • A causa degli attacchi dei bruchi processionari, l'albero si indebolisce e diventa vulnerabile ad altri parassiti e insetti nocivi, che possono portare alla sua morte.

Bruchi processionali: un pericolo per la salute dell'uomo e degli animali

Quando i bruchi processionari si sentono minacciati, proiettano micropoils avvelenati. A contatto con questi, gli animali subiscono necrosi della lingua che può causare lesioni dolorose e talvolta difficoltà respiratorie fatali. Per quanto riguarda gli esseri umani, soffrono di reazioni allergiche su diverse parti del corpo:

  • Sulla pelle

Compaiono gravi irritazioni Targhe rosse accompagnato da sensazioni di bruciore e forte prurito. Queste condizioni possono durare per ore o addirittura giorni a seconda del grado di esposizione. Inoltre causano palpitazioni o febbre e provocano angioedema (rapido gonfiore della pelle). Di solito, le parti del corpo più colpite sono i polsi, il collo e le gambe.

  • Negli occhi

La zona degli occhi è arrossata e gonfia. Quando i micropoli entrano nell'occhio, si verificano gravi reazioni infiammatorie. In alcuni casi, questo può portare a Cecità.

  • Sul sistema respiratorio

I peli pungenti dei bruchi processionari irritano le vie respiratorie, provocando mal di gola, starnuti, difficoltà a deglutire e attacchi d'asma.

  • Sulla pista digestiva

L'intestino e la mucosa orale si infiammano con vomito e dolore addominale.

Cosa fare durante i primi attacchi dei bruchi processionari?

Quando una persona affetta da bruchi processionari presenta sintomi particolari (vertigini, vomito, malessere, ecc.), È urgente farlo.portare in ospedale. D'altra parte, se le sue condizioni non sono allarmanti, è fondamentale lavare gli indumenti contaminati con acqua bollente prima di metterli nell'asciugatrice. È quindi necessario trattare le parti sensibili:

Per la pelle
  1. Lavare accuratamente la pelle con sapone ;
  2. Utilizzare carta adesiva come nastro adesivo per rimuovere i peli pungenti dalla pelle;
  3. Prendine un po antistaminici per alleviare il prurito.
Per gli occhi
  1. Sciacquare gli occhi usando un anestetico locale;
  2. Dopo il risciacquo, eseguire un'attenta visita oculistica per escludere residui di peli pungenti.
Per le vie respiratorie

È necessario far valutare i sintomi respiratori da un medico. Quest'ultimo prescriverà quindi un trattamento adeguato alle condizioni della persona affetta da bruchi processionari. Di solito, il trattamento comprende farmaci antiallergici e antinfiammatori come antistaminici e corticosteroidi.

Per il sistema digerente
  1. Per sbarazzarsi di peli pungenti, bere un bicchiere pieno d'acqua;
  2. Rimuovere i peli dal rivestimento della bocca utilizzando carta adesiva;
  3. Eseguire un'endoscopia in anestesia per estrarre i peli profondamente incorporati nel rivestimento della bocca, dell'esofago e della gola.

I mezzi per combattere i bruchi processionari

Esistono molti modi per sbarazzarsi dei bruchi processionari:

  1. In autunno, spruzzare con l'insetticida a base di Bt (Bacillus thuringiensis) su pini contaminati.
  2. Attiraretette attraverso l'installazione di rifugi e punti d'acqua o piantando latifoglie e alberi da frutto. Ogni giorno, questi uccelli possono mangiare fino a 40 bruchi processionari, poiché sono insensibili ai peli pungenti.
  3. Se l'albero ha alcuni bozzoli di bruchi processionari, devi staccarli, quindi bruciarli, proteggendo il corpo, il viso e le mani.
  4. Chiedi ad alcuni trappole a feromoni sull'albero contaminato per attirare e intrappolare i bruchi.

Prevenzione contro i bruchi processionari

Una persona recentemente infettata dal bruco processionario dovrebbe a tutti i costi evitare di essere nuovamente attaccata da questi insetti. In effetti, possono verificarsi reazioni allergiche ancora più gravi, anche a shock anafilattico che metterà in pericolo la vita della vittima. Questo è caratterizzato da sudorazione, difficoltà respiratorie, ipotensione e perdita di coscienza.

In caso di esposizione regolare a luoghi infestati, è necessario proteggersi indossando un paio di guanti e stivali di gomma, una maschera, occhiali antipolvere e una tuta protettiva impermeabile.

Inoltre, per coloro che vivono in regioni che ospitano bruchi, dovrebbero essere prese diverse precauzioni:

  • Non asciugare la biancheria all'aperto;
  • Lavare bene le verdure dell'orto prima di mangiarle;
  • Non lasciare che i bambini si divertano vicino a un albero che ripara i bruchi;
  • Bagnare il prato più giorni di seguito prima di falciare in modo che i peli pungenti rimangano a terra invece di disperdersi nell'aria;
  • Se i bambini giocano all'aperto, invitali a indossare abiti coprenti, un cappello e possibilmente un paio di occhiali.