Interessante

Qual è la storia del blocco di cemento

Se la cosa è vecchia, la parola è recente. È l'antenato del cemento greco, chiamato amplecton e del cemento romano composto da caementa o pietre rotte. La parola cemento apparve dalla penna del poeta Benoît de Sainte-Maure intorno al 1165-1170. Nel 1729, l'ingegnere Belidor, che ne sosteneva l'uso come fondazione, parlava solo di malta di pietra, ma l'architetto d'Avaler ha dato questa definizione nel 1755: "cemento, una sorta di malta che si getta nelle fondamenta, e che indurisce estremamente ”. Come si può vedere, c'è stata ed è tuttora una frequente confusione tra le parole "cemento" e "malta". Come promemoria, il calcestruzzo è composto da ghiaia, sabbia, cemento e acqua e malta, da sabbia, cemento e / o calce e acqua.

La storia del blocco di cemento

La fabbricazione del blocco di cemento

La fabbricazione del blocco di cemento. Il produzione riprende in linea di principio il molto ex sistema calchi artigianali di terra più o meno argilloso destinato ad ottenere un materiale da costruzione regolare.

essiccato al sole, questi calchi hanno costruito molte case in Africa e altrove.

Per il blocco di cemento, l'argilla non è il Materiale usato ma a calcestruzzo rigorosamente calibrato per ottenere diversi modelli, forme e dimensioni per soddisfare usi mirati. Nel tempo, la produzione di questo tipo di materiale ha beneficiato progresso di industrializzazione.

Dalla produzione manuale alla macchina

L'esclusiva macchina da braccio N ° 1 La prima prova fotografica mostra a produzione manuale di blocchi, da martellamento del cemento in uno stampo in metallo, che possiamo individuare verso il fine del XIX secolo.

Stiamo già producendo blocchi, probabilmente esclusivamente pieno, mediante sformatura immediata all'aperto. L'archiviazione richiede quindi uno spazio significativo.

Il primo macchine manuali compaiono intorno al file prima guerra mondiale. Sono originali italiana e americano.

Il produzione può essere assicurato, in alcuni paesi, direttamente sul lavori in cantiere (in Inghilterra, ad esempio), il che non dovrebbe semplificare i problemi soprattutto in inverno!

Il prime fabbriche per risolvere il problema di archiviazione. In Francia, la macchina manuale "Unique N ° 1" (foto) è pluripremiato al Fiera Internazionale di Lione nel 1919. Il tasso di produzione annunciato è dell'ordine di 250 blocchi per turno di otto ore.

Nuova generazione di macchine

Una pressa automatica Il anni 40 vedere un nuova generazione di macchine cellulari, dire strati, di chi principio è di sformato a terra i blocchi, poi vai avanti di pochi metri per sformare quanto segue. Questa modalità di produzione mediante vibrazione e compressione ha per interesse essenziale limitare il più possibile la movimentazione dei blocchi freschi, e quindi i rischi di danneggiamento.

Il presse automatiche appaiono nei paesi industrializzati in Anni '60. Il macchina è ora fisso, e il blocchi appena sformati su tavole (legno o acciaio) sono trasportato nel curare le cellule dove stanno approssimativamente 24 ore prima della loro pallettizzazione. Le fabbriche attualmente utilizzano questo principio di produzione in versioni migliorate e ottimizzate.

L'automazione oggi

Automazione della produzioneGli ultimi trent'anni hanno così visto ilcompleta automazione della produzione, dal momento che la schiavitù dell'impianto di betonaggio supallettizzazione, attraverso la macchina e le sue attrezzature, la movimentazione di tavole e prodotti temprati. La sicurezza e la manutenzione sono state notevolmente migliorate.

Per fare un confronto, era necessario tra le due guerre, 2 minuti per fare un blocco, mentre meno di 2 secondi sono sufficienti Oggi.