Interessante

Tutto quello che c'è da sapere sul riciclaggio: imballaggi, etichette e loghi

Come viene riciclata la carta? A cosa corrispondono i loghi ecologici? Qual è il materiale di confezionamento più virtuoso? CITEO risponde a tutte le tue domande sul riciclaggio in video.

Comprendi tutto sul riciclaggio

A cosa servono i loghi sulla confezione?

Come decifrare il file loghi ecologici presente sulla confezione dei nostri prodotti? Ce lo spiega Claude Bozion di CITEO tra un minuto.
  • Il logo punto verde rappresenta l'impegno finanziario delle aziende per lo smistamento e il riciclaggio dei propri imballaggi. Tuttavia, non specifica che l'imballaggio deve essere smistato.
  • L'informazioni sull'ordinamento del punto verde spiega chiaramente quali imballaggi devono essere smaltiti tra i rifiuti domestici e quali devono essere selezionati.
  • Il Logo Triman è obbligatorio su tutti gli imballaggi, mobili e tessuti. Specifica al consumatore che il prodotto o l'imballaggio è soggetto a istruzioni per l'ordinamento. Questo imballaggio deve quindi essere collocato in un bidone di smistamento, un punto di raccolta o un centro di riciclaggio.
  • L«Anello di Möbius oppure il nastro Möbius informa che l'imballaggio o il prodotto è tecnicamente riciclabile. Se una percentuale è mostrata in questo anello, indica che l'imballaggio o il prodotto è stato realizzato con una percentuale di prodotto riciclato.

La differenza tra riciclabile e riciclato

Claire Pelletier di CITEO spiega la differenza tra un prodotto riciclabile e un prodotto riciclato. Un imballaggio può essere riciclabile. Ciò significa che è stato realizzato con materiali che possono essere trattati da un impianto di riciclaggio. Saranno trasformati da un nuovo materiale, chiamato materiale secondario, che consentirà di realizzare nuovi imballaggi o nuovi oggetti.

Ad esempio, una bottiglia di plastica trasparente può essere riciclata per diventare una nuova bottiglia di plastica o essere trasformata in fibra tessile. Quest'ultimo viene utilizzato per imbottire peluche, piumoni o sacchi a pelo.

Quando un pacchetto contiene riciclato, questo significa che nella sua fabbricazione abbiamo utilizzato materiale proveniente dal riciclaggio.

Nota: solo perché l'imballaggio contiene contenuto riciclato non significa che debba essere messo nel bidone di smistamento.

Ad esempio: un vassoio di torte può essere realizzato con plastica riciclata, tuttavia le istruzioni di smistamento nazionali indicano che deve essere gettato nella spazzatura domestica.

In caso di dubbi sulle istruzioni di ordinamento, è disponibile l'applicazione mobile Sorting Guide o il sito Web consignedetri.fr.

Come viene riciclata la carta?

La spiegazione di Jean-François Robert di CITEO sul metodo per riciclare la carta.

Nel ciclo del riciclaggio della carta, tutte le fasi sono importanti. È principalmente con il gesti di smistamento che facciamo quotidianamente che i documenti verranno raccolti separatamente rifiuti domestici. Verranno trasportati ai centri di smistamento per essere separati dagli altri rifiuti riciclabili. Quindi vengono inviati alla cartiera per il riciclaggio.

Il processo di riciclaggio della carta prevede la separazione delle fibre di cellulosa da tutti gli altri componenti della carta come inchiostri, colle, spirali, graffette, campioni in riviste, finestre di buste o qualsiasi altra impurità.

La polpa riciclata viene trasformata in una bobina e quindi inviata alle stampanti.

Per facilitare il riciclaggio della carta, è necessario progettarli in modo ecologico a monte. Per il riciclaggio è necessario utilizzare inchiostri facilmente disinchiostrabili o colle che non disturbano.

Cosa fare con la carta riciclata?

Jean-François Robert di CITEO spiega cosa si può fare con la carta riciclata in un minuto.

Senza nemmeno saperlo, stiamo utilizzando tutti i proventi del riciclaggio della carta.

Per esempio :

  • Il giornali Il tipo quotidiano e le riviste sono realizzati con fibra riciclata.
  • Il pubblicità stampata che troviamo nella sua cassetta delle lettere.
  • Alcuni fatture e alcuni estratti conto contengono fibre di carta riciclate.

La carta riciclata può essere utilizzata per realizzare imballaggi in cartone, cartoni per uova, carta igienica o persino asciugamani di carta.

L'ovatta di cellulosa utilizzata per isolare la sua casa è prodotto da vecchi giornali.

Alcune coperte per il tetto della casa sono realizzate con carta riciclata.

A cosa servono le etichette di carta?

Quando si acquista la carta, alcuni imballaggi recano un'etichetta. A cosa servono ? Come riconoscerli? Seheno Ratsimbazafy di CITEO risponde.

Loghi ambientali come FSC e PEFC garantire la provenienza della fibra da foreste gestite in modo sostenibile, riciclate o controllate, ovvero da risorse non controverse.

Promuovono il mantenimento ecologico ed economico delle foreste e la loro gestione socialmente responsabile.

Ci sono altri loghi ambientali. Questi coprono l'intero ciclo di vita del prodotto dall'estrazione della fibra al suo riciclaggio, compresa la fabbricazione del prodotto.

Le etichette ecologiche consentono di distinguere i migliori prodotti per il pianeta e l'ambiente. Inoltre, sono affidabili.

Sono riconoscibili:

  • La Germania utilizza un'etichetta con un angolo blu.
  • I paesi scandinavi usano il cigno nordico.
  • In Europa, usano il marchio di qualità ecologica.

Qual è il materiale più virtuoso per l'ambiente?

Sophie Bonnier di CITEO spiega in un minuto quale materiale ha il minor impatto sull'ambiente.

Indipendentemente dal fatto che l'imballaggio sia in metallo, cartone, plastica o vetro, ogni materiale ha le sue funzioni e adempie a funzioni ben specifiche.

Per esempio :

  • Il plastica è fragile e malleabile. Ciò consente di realizzare imballaggi idonei al consumo fuori casa.
  • Il cartone è robusto. Ideale quindi per trasporti a basso impatto ambientale.
  • Il bicchiere può essere riciclato all'infinito. Riduce il consumo di risorse naturali per produrre nuovi imballaggi.
Per valutare le prestazioni ambientali di un materiale, dobbiamo guardare alla coppia prodotto / imballaggio durante il suo ciclo di vita. Ovvero dall'estrazione alla lavorazione delle materie prime poi dall'imballaggio, dal trasporto alla consegna del prodotto al punto vendita, infine dalla conservazione e tutela del prodotto fino al consumo finale. Un packaging equo è quello che svolge tutte queste funzioni senza fronzoli.