Interessante

Suggerimenti professionali: cinque consigli pratici per l'idraulico

Nella maggior parte dei casi, è necessario chiamare un professionista idraulico quando si tratta di eseguire lavori relativi a quest'area. Tuttavia, è possibile eseguire personalmente alcune operazioni per ridurre le spese. In effetti, riparare una perdita o disostruire il bagno è fattibile senza essere un idraulico professionista. Bastano pochi consigli.

5 consigli per l'idraulico

Riparare una perdita nei tubi

Oltre alle faccende domestiche, è obbligatorio ricorrere a impianto idraulico. In effetti, alcune riparazioni e installazioni sono necessarie per garantire una buona circolazione di acqua e gas in una casa. Tuttavia, in alcuni casi l'intervento professionale potrebbe non essere utile. È quindi interessante conoscere alcuni buoni consigli idraulici in modo da poter intervenire se necessario.

Quando si nota la presenza di gocce o di una pozza d'acqua sotto un tubo, la riparazione immediata è essenziale. Ciò evita di aggravare la perdita e aumentare le spese per la riparazione. Per imparare come riparare questo tipo di perdita da solo, dovresti seguire questo metodo:

  1. Fermare la circolazione dell'acqua in casa chiudendo l'alimentazione idrica;
  2. Evacuare l'acqua ancora stagnante nelle tubature aprendo tutti i rubinetti della casa;
  3. Asciugare il tubo che perde con uno straccio;
  4. Rimuovere tutto lo sporco che copre il tubo (stampo) utilizzando una spazzola rigida;
  5. Taglia una rondella di resina e un'altra di indurente sigillante;
  6. Mescolare i 2 anelli per ottenere una pasta omogenea;
  7. Applicare e quindi lisciare il sigillante sulla fessura con un dito bagnato;
  8. Asciugare rapidamente lo stucco con un asciugacapelli.

Va notato che questo metodo di riparazione è una soluzione immediata. In caso di riparazione finale è necessaria la saldatura, in particolare:

  • Il saldatura a freddo : questa operazione prevede di seguire i primi 4 passaggi del primo metodo, quindi produrre la pasta saldante a freddo secondo le istruzioni del produttore. Quindi applicare sulla fessura con una spatola;
  • Il saldatura a caldo : Questa tecnica consiste nel riscaldare il tubo di rame, quindi stendere lo stagno che, successivamente, si fonderà a contatto con il tubo e fermerà la perdita.

Riparare una perdita proveniente dalla valvola miscelatrice

Nel caso delle valvole miscelatrici, un tappo o una guarnizione usurati possono causare la perdita. L'operazione consiste nello smontare, sostituire l'elemento difettoso e quindi rimontare il gruppo. Per smontare il rubinetto:

  1. Interrompere la circolazione dell'acqua in casa;
  2. Svuotare i tubi aprendo il rubinetto;
  3. Rimuovere la pallina che trattiene la maniglia del rubinetto con un coltello;
  4. Allentare la vite di fissaggio per rimuovere la maniglia;
  5. Rimuovere la testa del rubinetto svitando il dado con una pinza.

Dopo aver effettuato lo smontaggio, è necessario esaminare il valvola e le condizioni del sigillo, quindi sostituirli se necessario. Anche la pulizia del calcare in testa al rubinetto è essenziale.

Riparare una perdita nel risciacquo

È innanzitutto necessario determinare la causa della perdita quando viene rilevata a livello dello sciacquone.

  • Se la valvola non è veramente a tenuta d'aria, potrebbe essere installata o usurata in modo improprio. Per rimediare a questo, i passaggi sono i seguenti:
  1. Fermare l'acqua che entra nel serbatoio;
  2. Svuotare il serbatoio;
  3. Sbloccare il meccanismo centrale (pulire il calcare se necessario);
  4. Esaminare le condizioni della valvola e sostituirla se necessario;
  5. Rimontare l'assieme ed eseguire il test.
  • Se il galleggiante non è all'altezza corretta, o anche troppo basso, impedisce la chiusura della valvola. In questo caso l'intervento può essere fatto a livello dell'asta (ruotarla), a livello della vite di regolazione o del braccio galleggiante (manipolarla per posizionarla correttamente). È inoltre necessario sostituirlo se è forato e pulirlo se è calcificato;
  • Se manca il sigillo, l'operazione si effettua seguendo questi passaggi:
  1. Interrompere l'approvvigionamento idrico;
  2. Tira lo sciacquone ;
  3. Rimuovere la valvola di intercettazione svitandola;
  4. Svitare i 2 dadi sotto il supporto della ciotola;
  5. Smontare il serbatoio per estrarne il meccanismo;
  6. Rimuovere il calcare dalla guarnizione o sostituirla se è troppo usurata;
  7. Stringere l'anello di tenuta con una pinza multigrip;
  8. Riassembla il tutto.

Riparazione di una perdita nell'impianto di riscaldamento

Nel caso di un radiatore ad acqua di riscaldamento centralizzato, la causa della perdita può essere una guarnizione usurata, collegamenti errati, un dado del premistoppa allentato o variazioni di temperatura costanti nella stanza (scongelamento). La riparazione delle perdite dal radiatore è quindi essenziale per la regolare manutenzione del riscaldamento centrale. L'intervento consiste in:

  1. Ferma l'acqua riscaldamento centralizzato ;
  2. Svitare il gomito di uscita per sfiatare il radiatore;
  3. Stringere il dado se necessario
  4. Smontare la valvola in caso di guarnizione usurata;
  5. Svitare il raccordo per pulirlo con carta vetrata;
  6. Sostituire la guarnizione con una nuova;
  7. Risciacquare con un prodotto disappannante;
  8. Rimontare la valvola;
  9. Avviare la caldaia (con 2 bar di pressione);
  10. Evacuare l'aria con un cacciavite.

Estrai i tappi

Lavello

Lo sblocco può essere effettuato in due modi:

  • Pulire il sifone: indossare i guanti, svitare il sifone, rimuovere i residui che compongono il tappo, quindi lavare l'interno con sapone;
  • Versare una miscela di bicarbonato di sodio, di aceto bianco e di sale grosso : eliminare l'acqua stagnante, versare il composto, lasciare riposare il lavello per 30 minuti, quindi versare 1 litro di acqua bollita.
Servizi igienici

A parte l'uso di un file ventosa, sono disponibili molte tecniche per sbloccare i servizi igienici. Tra questi, immergi uno di questi oggetti nella ciotola per fare movimenti avanti e indietro:

  • Una bottiglia di plastica vuota di acqua o aceto tagliata alla base;
  • Una scopa spagnola ricoperta da un sacchetto di plastica;
  • Uno sblocco della pompa.
I tubi
  • Fare un furetto con un gancio : aprirlo per ottenere una lunga asta di metallo;
  • Fai bollire l'acqua, quindi versala nel lavandino o nella doccia;
  • Un mix di bicarbonato di sodio, aceto bianco, sale e acqua.