Interessante

Alimenti che non dovrebbero mai essere congelati

Il congelamento è una tecnica molto pratica per conservare il cibo. Inoltre consente di risparmiare tempo su alcune preparazioni. Tuttavia, tra -12 ° C e -18 ° C, alcuni alimenti possono cambiare gusto, consistenza o, peggio ancora, sviluppare batteri pericolosi. Ecco l'elenco di diversi alimenti che non dovrebbero mai essere messi in congelatore.

10 cibi che non dovresti congelare

Alimenti che non dovrebbero mai essere congelati

Ecco un elenco di cibi che non dovresti mai mettere nel congelatore:

  • Uova

Le uova non possono essere messe nel congelatore poiché il loro guscio potrebbe scoppiare. Da allora in poi i batteri potrebbero contaminarli. Lo stesso vale per la maionese, le salse a base di uova o le uova già cotte come le uova sode. Risulteranno spugnosi, gommosi o addirittura duri. Tuttavia, l'albume può essere conservato nel congelatore per 4 mesi.

  • Tuberi

Tuberi crudi come rutabagas, il pastinaca e soprattutto il patate non deve essere congelato. Tienili al fresco in un luogo buio e lontano dal calore per evitare che germogliano. Il congelamento altererebbe il loro contenuto di minerali e farebbe perdere i loro nutrienti. Per una patata, ad esempio, il congelamento accelera il suo invecchiamento scurendola e facendola perdere la sua consistenza. Tuttavia, le patate cotte o altri tuberi simili, ma cotti, possono essere messi nel congelatore. Tuttavia, la loro consistenza e il loro gusto non saranno più gli stessi.

  • Il pane

Il pane conservato nel congelatore tenderà a perdere la sua croccantezza man mano che si ammorbidisce. Inoltre assorbirà tutti gli odori presenti nel terreno e perderà il suo sapore, che lo renderà quasi immangiabile. Il modo migliore per conservare il pane è prima prendere del pane a lunga durata come il pane di campagna e avvolgerlo in un panno.

  • Latte e alcuni dei suoi derivati

Il congelamento del latte lo farà perde la sua consistenza abituale. Lo stesso vale per lo yogurt. Dopo lo scongelamento, questi prodotti diventano grumosi e liquidi.

Il formaggi freschi o morbidi non devono essere conservati nel congelatore. Dopo lo scongelamento, questi prodotti perderanno la loro consistenza, si deformeranno e cambieranno di sapore. Tuttavia, i formaggi a bassa umidità possono essere conservati nel congelatore.

Il creme da dessert, che di solito sono a base di latte e talvolta contengono anche uova, non devono essere conservati nel congelatore. Questa reazione chimica li farà cagliare facendoli perdere la loro consistenza cremosa.

Questi diversi prodotti saranno ancora consumabile dopo lo scongelamento, nonostante il gusto e la consistenza alterati.

  • Frutta e verdura ricche di acqua

Mentre alcuni tipi di frutta e verdura tollerano perfettamente il congelamento, altri no. Di solito, questi perdono consistenza, compattezza e sapore dopo lo scongelamento. È il caso di frutta e verdura ricca di fibre e acqua:

  • angurie
  • meloni
  • le fragole
  • pomodori
  • sedano
  • le insalate
  • cetrioli
  • le cipolle
  • peperoni
  • carciofi
  • le melanzane
  • i ravanelli
  • lattuga

Tuttavia, i preparati a base di melanzane o pomodori cotti possono essere congelati.

Per poter congelare queste verdure, lo è consigliato di candeggiarli, cioè cuocendoli in acqua bollente dai 3 ai 5 minuti prima di metterli nel congelatore. Quindi scolatele bene e passatele leggermente in acqua fredda per farle conservare compattezza e colore. Vanno poi asciugati con carta assorbente prima di essere riposti in un sacchetto di freschezza per una migliore conservazione. Una volta in queste confezioni, questi alimenti possono essere conservati nel congelatore per quasi un anno.

  • Pasta

Una volta scongelato, la pasta si ammorbidisce e diventa molliccia. Inoltre, perdono consistenza e sapore.

  • Riso

Come la pasta, dopo lo scongelamento, il riso perderà sapore e consistenza. Le voci secondo cui il congelamento del riso ne migliora il sapore sono completamente false. Dopo il congelamento, il riso diventa insipido e quasi immangiabile.

  • Alimenti già congelati

È importante sapere che gli alimenti che sono già stati congelati e che si sono scongelati non devono assolutamente essere rimessi nel congelatore, in particolare la carne. I batteri patogeni potrebbero contaminarli, il che è molto pericoloso per la salute.

  • Le salse

Le diverse salse, anche le creme al caramello, non resistono al congelamento. Come le creme da dessert o la maionese, perderanno consistenza, sapore e non saranno nemmeno presentabili.

  • Cibi fritti

I cibi fritti, come patatine fritte, gamberetti o frittelle di zucchine non sono adatti per il congelamento. Dopo lo scongelamento, perdono consistenza e tendono a diventare farinoso. Tuttavia, alcuni prodotti da forno possono essere conservati nel congelatore.

Le regole d'oro del congelamento

È necessario prendere in considerazione alcune istruzioni di congelamento per una migliore conservazione degli alimenti e per evitare il rischio di avvelenamento:

  • Non è necessario non ricongelare mai cibi crudi già scongelati, poiché una volta nel congelatore, i batteri che resistono al freddo potrebbero contaminarlo e renderlo pericoloso per la salute.
  • È raccomandato raffreddare gli alimenti prima di metterli nel congelatore. Il calore generato potrebbe aumentare la temperatura del congelatore e provocare lo scongelamento di altri alimenti. Idealmente, dovresti mettere il cibo cotto nel frigorifero e su un piatto, ad esempio, per raffreddarlo, prima di metterlo nel congelatore.
  • Per scongelare un alimento, è meglio metterlo in frigorifero o metterlo in un contenitore con acqua fredda per un po 'prima di usarlo.
  • Gli alimenti destinati a essere congelati a lungo dovrebbero essere confezionati sacchetti speciali per congelatore. Gli alimenti da congelare per un breve periodo di tempo possono essere avvolti in sacchetti di plastica ermetici per impedire l'ingresso di aria e quindi provocare la combustione del cibo.
  • Si consiglia di etichettare correttamente gli alimenti congelare per poterli riconoscere in seguito. Va inoltre indicata la data di congelamento e la natura del prodotto.