Interessante

Come allestire e organizzare l'officina del tuo tuttofare?

Professionista stagionato, semplice appassionato di fai da te o tuttofare domenicale, una volta deciso il progetto di creare un laboratorio fai da te, è importante adottare le giuste disposizioni. Sia che la stanza dedicata sia grande o piccola, ogni centimetro quadrato è utilizzabile. Scopri i pratici consigli di Maisonbrico.

Installa e allestisci l'officina del tuo tuttofare

Organizza il tuo laboratorio fai da te

Per ogni appassionato di fai da te, il laboratorio è sicuramente la stanza in cui trascorrerà la maggior parte del proprio tempo. Pertanto, deve essere accogliente e ordinato.

Se funge sia da garage che da officina, è imperativo non bloccare la porta, soprattutto se è alla finestra, per far entrare il file luce naturale. Si consiglia inoltre di aprire la porta o la finestra durante lo svolgimento dei lavori se l'ambiente non è dotato di CMV. In effetti, particolare importanza deve essere data al ventilazione in modo da non inalare prodotti tossici da pitture o vernici, polvere o aria sporca.

Se l'officina è installata in cantina o nel seminterrato, la luce deve essere assicurata da a illuminazione artificiale di buona qualità. Attenzione però, deve essere abbastanza potente e ben distribuito per evitare il rischio di sfregamento sul risultato finale di un dipinto, per esempio. Nel caso di un'officina seminterrata, la ventilazione non è necessariamente garantita, quindi è necessario indossare una maschera di protezione dalla polvere prima di installare un VMC con scarico diretto.

L'impianto elettrico deve essere conforme alle norme in vigore. È preferibile che le prese installate siano impermeabili per evitare il rischio di scosse elettriche. Le prolunghe sono da evitare ...

L'officina di un tuttofare ha spesso anche un file punto d'acqua. In particolare, permette di rinfrescarsi in caso di colpo di calore e di lavarsi le mani dopo aver lavorato il legno o dipinto un oggetto.

Per limitare l'inquinamento acustico proveniente dall'officina, è preferibile insonorizzare le pareti con pannelli isolanti o in sughero. Si attaccano facilmente alle pareti. Il suono prodotto da strumenti come i trapani supera una soglia considerata pericolosa per l'udito in caso di esposizione prolungata da parte di professionisti. Si consiglia di indossare cuffie con cancellazione del rumore.

Infine, il banco da lavoro o il file piano di lavoro è il fulcro del perfetto laboratorio fai da te. Oltre ad essere comodo, dovrebbe essere pulito e sicuro (con freni per i modelli con ruote).

Organizza il tuo laboratorio fai da te

Per organizzare in modo efficace un laboratorio fai da te e mantenerlo in ordine, è imperativo pensare a mobili e accessori per riporre. Sfruttando le pareti è possibile usufruire di un notevole risparmio di spazio. Una credenza per tutta la larghezza di un muro, pannelli forati o qualche griglie in acciaio su un altro per appendere cestini o direttamente utensili (martelli, forbici, tenaglie, ecc.). Geniale, a bottiglia di plastica permette di realizzare in un batter d'occhio a bobina di spago. Passaggi:
  1. Prendi una bottiglia di plastica pulita e vuota;
  2. Rimuovere il tappo;
  3. Usando un cutter, tagliatela a metà formando delle onde;
  4. Raccogli la metà (la parte superiore);
  5. Inchioda questo deposito a un supporto robusto;
  6. Posiziona la corda.
È possibile creare un file bit di precisione aspirapolvere con l'altra parte della bottiglia di plastica e un tubo di plastica rigido (cannuccia).
  1. Utilizzando un trapano, praticare un foro dello stesso diametro del tubo rigido sul fondo della bottiglia;
  2. Inserisci il tubo di plastica al suo interno;
  3. Mantenerlo con una striscia adesiva;
  4. Posizionare l'ugello a livello dell'aspirapolvere quando è in uso.
Per evitare che strumenti e accessori invadano il laboratorio fai-da-te, è anche imperativo pensarci Conservazione. Per risparmiare tempo e avere piccoli oggetti a portata di mano, i barattoli sono particolarmente consigliati.
  1. Attaccare una mensola della lunghezza di un muro;
  2. Raccogli vecchi barattoli di marmellata o senape;
  3. Fai due piccoli fori su ogni copertina;
  4. Avvitare le coperture sul fondo del ripiano;
  5. Riporre rispettivamente le viti, i chiodi e i tasselli nei barattoli;
  6. Chiudi i contenitori.
Per riporre strumenti fai-da-te di medie dimensioni come parentesi quadre, metro a nastro o pennelli, optare per un armadio con diversi cassetti è una scelta saggia. Per ottimizzare lo spazio di archiviazione, dividere l'interno dei cassetti con cartone consente di classificare gli strumenti per famiglia. Se la stanza è stretta o non può ospitare mobili ingombranti, a carrello degli attrezzi dotato di ruote o valigette può essere particolarmente utile. In commercio esistono modelli modulari in alluminio o PVC facili da pulire.

Risparmia energia quando fai il fai da te

Sarebbe un peccato romperti la schiena o ferirti le mani mentre trasporti un secchio di vernice, acqua o olio esausto! Per evitare tali inconvenienti, portare un Chiave piatta o un pezzo di tubi di pvc è consigliato.

Trasporta un secchio con una chiave:

  1. Sollevare la maniglia del secchio;
  2. Far scorrere la chiave aperta fino alla forma curva del grillo;
  3. Solleva il secchio.

Trasporta facilmente un secchio grazie a un tubo in PVC:

  1. Taglia qualche centimetro di tubo in PVC;
  2. Usando un seghetto, taglialo nel senso della lunghezza;
  3. Stenderlo leggermente;
  4. Far scorrere la maniglia di ferro del secchio attraverso di essa prima di sollevarlo.