Interessante

Come coltivare il melone?

Il melone è un ortofrutticolo per eccellenza, che spesso riesce a coltivare bene solo nelle regioni meridionali o sulle rive della Loira. In altre regioni, a meno che non vi sia un'esposizione eccezionale, la produzione reale è possibile solo sotto copertura.

Il melone predilige terreni liberi e leggeri, che si riscaldano facilmente. Ha bisogno di acqua, ma teme quella stagnante.

Semina e coltivazione di melone

Caratteristiche

Nome vernacolare : melone

Nome latino : Cucumis melo

Famiglia : Cucurbitacee

Ciclo vegetativo : pianta annuale

Modalità di moltiplicazione : semina Semence : Da 10 a 15 g in tasca / 1 sono di coltura

Velocità di sollevamento : • Terreno aperto: da 1 a 2 settimane • Al riparo: 1 settimana

Raccolto : Da 2 a 4 kg / ml

Fertilizzante : letame, fertilizzante fosfopotassico

Parassiti, malattie e cure : • Afidi, tripidi: insetticidi specializzati • Oidio o peronospora, torbido (malattia di alcune cucurbitacee): poltiglia bordolese • Virosi (mosaico): distruzione delle piante

Fasi della cultura

La semina in coppe di torba è l'ideale per il melone. Inizia riempiendoli con terriccio normale o, meglio, terriccio.Semina

Ancor più che per cetrioli e sottaceti, il calore è necessario per l'emergere dei semi e l'inizio delle piante. La semina in contenitore è l'ideale per i meloni. Quindi disporre i semi al ritmo di due o tre per tazza. Coprite con uno strato sottile di torba.

Tre o quattro semi verranno seminati in coppe di torba poste in una serra o in una cornice, in gennaio-febbraio.

Mettendo le tazze in una piccola ciotola di plastica, coprite le vostre piantine con una lastra di vetro per limitare l'evaporazione. le tazze vengono poste in una ciotola di plastica che evita di doverle spostare una ad una. È anche utile coprirli con una lastra di vetro per limitare l'evaporazione.

La semina a strati in una cornice calda è possibile anche ad aprile. Nelle regioni meridionali la semina avviene nel terreno, in sacche a circa 80 cm di distanza l'una dall'altra. Anche lì vengono seminati diversi semi.Semina nel terreno

Si effettua direttamente in sede dal 15 maggio, in tasche distanziate di circa 80 cm. Eventuali linee saranno distanti 1,50 m. Il vetro viene rimosso non appena le piante sono emerse. Si conservano in una tazza finché non compaiono le foglie.Cultura

La coltivazione forzata prevede il trapianto sotto telaio da aprile. In caso di semina a falde, si fa in piena terra (riparata o meno) dal 15 maggio, quando il gelo non è più da temere; le piante sono distanziate di 80 cm l'una dall'altra e, se possibile, aggiungere letame fresco alla base della pianta per assicurarne il riscaldamento. Le tazze vengono trapiantate in una buca scavata, preferibilmente con una fioriera a bulbo. Un buon compostaggio è assolutamente necessario qui.

Come con i cetrioli, la pianta dovrebbe essere trapiantata con la sua zolla. Quindi usa un bulbo dibber per questo.

Si tratta qui di praticare l'ultima pizzicatura, che viene eseguita sopra il frutto, dopo la sua comparsa.Pizzicare (chiamato dimensione per il melone)

È fatto in un modo paragonabile a quello dei cetrioli e dei sottaceti. Eseguita prima sopra le prime due foglie, la potatura è comunque generalmente più lunga, la seconda potatura a livello della quarta foglia di ciascuno dei due rami nati dalle prime due foglie dando origine a lunghi fusti su cui appariranno i frutti. Un pizzico finale sopra il frutto si verifica dopo la sua comparsa. Una giovane pianta può essere protetta dal freddo notturno o dal calore del sole da un vaso di fiori capovolto che funge da campana.

Oltre alla zappatura, alla pacciamatura e all'irrigazione frequenti, i meloni necessitano di protezione dal freddo, compreso il fresco delle notti estive.

La gestione dei meloni in serra è molto redditizia. Sono ben addestrati qui sulle reti.

È per questi motivi che la gestione della coltivazione in serra del melone è molto redditizia a patto di annaffiare e arieggiare bene. Vediamo qui le piante allevate su reti.

Il metodo di protezione più sicuro è posizionare ogni melone in una piccola rete sospesa tra due fili stretti, come una piccola amaca.Raccolto

Nella coltivazione forzata si raccoglie in maggio-giugno, mentre nella coltivazione frettolosa si raccoglie solo in agosto. Per la coltivazione esclusivamente in piena terra, raccolta da settembre fino al gelo. Un melone è buono per la raccolta quando inizia a rompersi attorno al gambo e le foglie appassiscono. Un buon consiglio per proteggere la frutta: isolare il melone dal terreno utilizzando un piatto capovolto. D'altra parte, i peli sono caduti completamente. Alcuni giorni in cantina porteranno il melone alla sua piena maturità. Un semplice vaso di fiori, sepolto accanto a un gambo di melone, è una buona riserva d'acqua.Meloni spaccati

Le fessure che spesso compaiono sui meloni non sono segno di maturazione, ma sono il risultato di una crescita eccessiva causata da innaffiature irregolari durante l'estate.