Interessante

Come evitare le allergie in giardino?

Un bel giardino fiorito, estetico e profumato è un piacere abbastanza accessibile, anche per le persone con allergie. Non c'è niente di più frustrante che non essere in grado di godersi la vita all'aria aperta per paura di una riacutizzazione di allergia con starnuti, prurito alla gola, congiuntivite o un attacco d'asma. Grazie al giardino anallergico è possibile trascorrere piacevoli momenti all'aperto, senza temere reazioni allergiche.

Evita le allergie in giardino

Quali sono le piante e gli alberi più allergenici?

Il polline emesso dalle piante che amano il vento provoca allergie nelle persone sensibili. È portato dal vento. La classificazione del potenziale allergenico delle piante va da 0 (zero) a 5 (molto forte). I sintomi possono manifestarsi in modi diversi. Si va dalle piccole lacrime agli attacchi d'asma per le forme più gravi. Le piante da evitare in giardino sono:

  • Per quanto riguarda gli alberi:
    • Pino (0): il suo polline è pesante e cade ai piedi degli alberi;
    • L'ornato (1);
    • Pioppo, gelso, faggio e castagno (2);
    • Nocciolo, Salice, Carpino, Tiglio e Olivo (3);
    • Frassino, Quercia e Ontano (4);
    • Cipresso e betulla (5).
  • Per quanto riguarda le piante erbacee:
    • Ortica (1);
    • Acetosa (2);
    • Piede d'oca e piantaggine (3);
    • Artemisia (4);
    • Erbe e ambrosia (5).

Come proteggersi dall'allergia ai pollini?

Se a volte il contatto con il polline è inevitabile, è importante adottare le misure necessarie per prevenire il rischio di complicanze.

  • Ventilare frequentemente l'interno della casa

Per evitare che il polline che circola nell'aria si depositi all'interno della casa, è fondamentale agitare l'aria. I familiari sensibili dovrebbero assicurarsi di arieggiare la camera da letto a tarda notte e al mattino tra le 7:00 e le 9:00 e cambiare le federe 3 volte a settimana. Nota che se provi disagio durante la notte, è prudente cambiare immediatamente le federe e le lenzuola. Prima verranno prese le misure, minori saranno le conseguenze.

  • Evita le passeggiate in primavera

Al culmine dell'impollinazione, l'aria è carica di polline. Anche se il sole ti invita ad uscire e goderti i parchi e i giardini, le persone sensibili dovrebbero astenersi dall'andarci.

  • Pulisci i capelli

Il polline può facilmente rimanere incastrato nei capelli. È meglio lavarli per eliminarli. Se lo shampoo ripetuto colpisce i capelli, alternalo a una spazzolatura meticolosa prima di andare a letto per evitare che il polline si depositi sul cuscino.

  • Adotta buone abitudini alimentari

La cipolla rossa, l'aglio e il pesce azzurro hanno proprietà antistaminiche. Consumarlo regolarmente rafforza il sistema immunitario. Questi cibi naturali e sani evitano il consumo di droghe. Tuttavia, è prudente avere antistaminici a casa per le emergenze.

  • Usa gli oli essenziali giusti

Sono usati nel trattamento curativo o preventivo. Ravintsara, Eucalyptus, Niaouli e Dragoncello hanno proprietà decongestionanti e immunostimolanti. In caso di inalazione, applicazione esterna e anche orale, si consiglia di seguire le prescrizioni e i dosaggi.

Quali sono i consigli per avere un giardino ipoallergenico?

Sentirsi bene nel proprio giardino per chi soffre di allergie è possibile seguendo questi suggerimenti:

  • Seleziona piante con potenziale allergenico nullo:

Le piante entomofile e zoofile sono impollinate da insetti e animali. Il polline quindi non si disperde nell'aria e non danneggia i residenti della casa. Gli insetti si occupano dell'impollinazione di acacie, azalee, ginestre ...

  • Scegli fiori che hanno pochi stami:

Il polline si trova in piccole quantità e i rischi sono limitati. Crisantemi, clematidi o gerani soddisfano questo criterio.

  • Falciare il prato molto regolarmente:

Si consiglia di farlo 2-3 volte a settimana per evitare la fioritura delle erbe. Sostituire l'erba con muschi o felci è più salutare. È anche possibile essere desensibilizzati alle erbe. Il trattamento è efficace. Dura tre anni. È importante tagliare frequentemente siepi e piante selvatiche. Il giardino non dovrebbe essere alto. Le emissioni di polline sono quindi limitate.

  • Optare per un giardino minerale:

L'atmosfera zen e l'ambientazione con rocce di diverse dimensioni, tappeti di ghiaia o ardesia, ruscelli e piante piccole o anallergiche e decorative offrono uno spettacolo abbagliante e rigenerante. Lo stile dei giardini giapponesi può essere una buona fonte di ispirazione.

  • Scegli le piante grasse:

Cactus, echinocereus, crassule, hawothias o kalanchoes sono anallergici. Sarà necessario conoscere il clima favorevole al loro sviluppo prima di acquistarli, perché a volte sono esigenti in termini di temperatura ambiente e qualità del suolo.

  • Installa un lavabo:

Una decorazione con piante acquatiche dà un bel giardino. Le piante acquatiche sono senza paura per le persone sensibili. Sono impollinati dall'acqua o dagli insetti e sono chiamati rispettivamente idrogam ed entomofili. Il loto ha un fiore che galleggia sott'acqua, mentre per la ninfea si trova sopra l'acqua, entrambi hanno il loro posto in un giardino anallergico.

  • Coltivare un orto:

Le erbe aromatiche sono perfette:

  • Timo;
  • Rosmarino;
  • Menta;
  • Melissa;
  • Coriandolo;
  • Erba cipollina ;
  • Prezzemolo.

Anche le verdure sono sicure. La scelta è vasta:

  • Insalate;
  • Cipolle ;
  • Pomodori;
  • Spinaci;
  • Porri;
  • Barbabietole;
  • Patate o rape.

Queste verdure richiedono una certa attenzione come il rispetto delle distanze tra ogni tipo di verdura.

  • Giardinaggio al mattino:

L'inizio della giornata o quando il tempo è umido è buono perché il polline non circola molto nell'aria. Quando c'è vento o raffiche, è meglio stare al riparo. Se si tratta di eseguire lavori rumorosi (tosaerba, tagliasiepi, ecc.), Devono essere rispettati gli orari di legge: dalle 8.00 alle 20.00 dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle 24.00 il sabato e dalle 10.00 alle 10.00. 12:00 domenica e festivi.

  • Irrigazione la sera o la mattina presto:

Le gocce d'acqua trascinano il polline a terra. L'aria viene così purificata. La mattina, quando si forma la rugiada, è il momento perfetto. La sera, l'umidità può causare malattie fungine nelle piante.

  • Scegli una staccionata in legno o un muro di pietra:

Con questi materiali non c'è rischio di allergia ai pollini. Inoltre, è estetico e non richiede manutenzione. È comunque utile controllare la recinzione ogni 3 mesi per evitare ogni rischio di formazione di muffe.