Interessante

Come ventilare la casa per evitare germi e malattie

Rinnovare l'aria nelle case è fondamentale per godere ogni giorno di un'aria sana e di qualità. Questo aiuta anche a proteggere i materiali da costruzione dall'umidità. Incontrollato, porta spesso ad elevate dispersioni di calore durante la stagione fredda, con conseguente inutile spreco di energia. Perché e come ventilare bene a casa? Le risposte.

Perché e come ventilare a casa

Rinnovo dell'aria: cosa dice la legge?

Il rinnovo dell'aria negli spazi abitativi è regolato dalla norma europea NBN D50-001. Ciò richiede ad architetti e studi di progettazione un ricambio d'aria minimo di 3,6 m3 per m2 di superficie in media. Anche i locali non residenziali sono soggetti a normative specifiche in termini di ventilazione come previsto dalla norma europea EN 13779. Ciò impone in particolare una portata di 22 m3 all'ora e per individuo. La ventilazione dei locali può avvenire naturalmente attraverso l'apertura di finestre e porte o anche meccanicamente, tramite un idoneo sistema di ventilazione.

Perché è importante il rinnovo dell'aria?

È fondamentale ventilare l'interno di un soggiorno, soprattutto in presenza di recinzioni completamente chiuse.

  • La presenza di esseri umani, animali e / o piante provoca odori può essere sgradevole, per non parlare della promiscuità e della temperatura elevata;
  • L'attività umana generaumiditàé, soprattutto il sudore, che causa condensa, che favorisce lo sviluppo di muffe;
  • L'aria interna è facilmente carica di microbi, gas e particelle patogene, soprattutto in alcune aree della casa come il bagno, il bagno o la cucina;
  • Possono costituire disinfettanti, prodotti per la pulizia o quelli dedicati alla ristrutturazione fonti di emissioni indesiderate, anche tossico;
  • Raccordi e materiali moderni, in particolare colle plastiche, possono emettere prodotti organici volatili, che in alte concentrazioni mostrano una certa tossicità;
  • La proliferazione degli acari è a fonte di allergia in soggetti con terreno favorevole per semplice contatto con i loro escrementi;
  • Di radon è probabile che si accumuli in luoghi chiusi, in particolare in seminterrati e scantinati, e infiltrarsi in locali occupati.

Arieggiare la tua casa: i vantaggi

Oltre a migliorare la qualità dell'aria, la ventilazione di una casa ha un impatto positivo sul comfort e sulla salute degli occupanti:

  • Fornire a ossigeno interno, essenziale per una respirazione ottimale su base quotidiana.
  • Consenti a rinnovo dell'aria caricato con C02, specialmente rilasciato durante la scadenza. Un insufficiente apporto di aria fresca provoca sensazioni di stanchezza, mal di testa, nausea, perdita di efficienza sul lavoro e difficoltà di concentrazione. L'aria contenente un alto contenuto di CO2 è un indicatore del contenimento dell'aria.
  • In grado di sbarazzarsi dei cattivi odori, cibo tra gli altri. Ci sono molti odori presenti in una casa. Ambienti non sufficientemente ventilati possono anche generare odori che possono interferire con il comfort quotidiano. Il rinnovamento dell'aria favorisce così l'evacuazione di questi odori sgradevoli. Non è più necessario utilizzare candele profumate, bastoncini di incenso o anche fragranze per la casa.

Cos'è l'aria di qualità?

L'aria è considerata di buona qualità quando non è probabile che provochi condensa sulle pareti o nella struttura. Dal punto di vista della normativa questa atmosfera non deve contenere né Composti Organici Volatili (VOC) né Composti Inorganici Volatili (CIOV) dannosi per la buona salute degli occupanti.

Come ventilare una casa?

Per garantire un ricambio d'aria ottimale, è importante conoscere le tre azioni essenziali: portare, trasferire e evacuare l'aria.

Il rinnovo dell'aria può essere ottenuto in diversi modi. La ventilazione di base viene effettuata utilizzando dispositivi appositamente dedicati per un ricambio d'aria regolare e permanente. Pertanto, è possibile utilizzare diversi sistemi. Il principio rimane lo stesso:

  • Portare aria fresca nelle cosiddette stanze "asciutte" come l'ufficio, la camera da letto o la sala giochi;
  • Estrarre aria inquinata o umida dai locali cosiddetti "umidi", in particolare cucina, bagno e WC;
  • Trasferire l'aria dalle "stanze asciutte" alle "stanze umide" attraverso le aperture di trasferimento, le griglie delle porte e altro ancora.

Ventilazione di base

La ventilazione offre una migliore garanzia di rinnovo dell'aria, data la sua natura regolabile e permanente. Per nuove costruzioni o ristrutturazioni, lo standard offre molte soluzioni in termini di sistemi di ventilazione. I più efficienti sono:

  • Il sistema di ventilazione naturale: l'aria viene restituita tramite griglie orientabili e l'uscita avviene attraverso condotti verticali dedicati in ambienti umidi;
  • Il sistema di ventilazione a flusso singolo: il ritorno dell'aria è effettuato da griglie regolabili e l'evacuazione tramite estrattori meccanici;
  • Il sistema di ventilazione a doppio flusso: il ritorno dell'aria passa attraverso un azionamento meccanico. Lo stesso vale per l'estrazione.

Può anche essere presa in considerazione la ventilazione meccanica per insufflazione. Il principio è semplice: invece di pulire meccanicamente l'aria dalle stanze umide, si tratta di soffiare aria nuova dall'esterno attraverso una macchina. L'aria fresca viene così restituita alle stanze asciutte, lasciando fuoriuscire l'aria viziata dalle stanze umide attraverso le grate sulla falegnameria da un sistema a pressione.

Ventilazione

Un sistema di ventilazione naturale, consiste nel rinnovare grandi quantità di aria e, occasionalmente, con varie azioni. Per essere efficace, questo semplice metodo deve comunque essere riprodotto regolarmente.

  • Aprire porte, finestre larghe, per una circolazione dell'aria ottimale;
  • Fornire quotidianamente Periodi di 15 minuti per rinnovare l'aria, soprattutto d'inverno. Trascorso questo tempo, il calore accumulato sulle pareti inizia a perdere intensità, il che può portare a problemi di condensa;
  • L'ideale è realizzare un'apertura in 2 posti opposti nella stessa stanza, consentendo un flusso d'aria ottimale per soli 1-3 minuti;
  • Si consiglia di accendere la cappa o di aprire le finestre per evacuare efficacemente il vapore acqueo in eccesso prodotto;
  • Considera anche di ventilare di più durante a evento speciale circostanze eccezionali.