Interessante

Posare una copertura in lastre Onduline® Easyfix

Nella famiglia delle lastre ondulate bituminose Onduline®, la lastra Easyfix, realizzata con fibre riciclate, ha un profilo moderno ed estetico. Le linee di copertura facilitano l'installazione e la rendono intuitiva. È il prodotto ideale per rivestire una casetta da giardino o una tettoia. Leggere (4,4 kg), le piastre sono facili da manovrare e posizionare. L'installazione avviene tramite viti o esclusivi punti flangiati che garantiscono un perfetto fissaggio e una totale tenuta.

Installazione di un tetto Onduline® Easyfix

Materiale necessario

  • Cacciavite
  • Matita
  • Cutter
  • Livella a bolla
  • Meter
  • Sega o smerigliatrice
  • Guanti e occhiali

Consiglio pratico

Elementi di un tetto Easyfix: piastre, bordi, copri colmo e accessori di fissaggio. 1. Per coprire questa casetta da giardino, userete piastre, bordi, tappi di colmo e accessori di fissaggio Easyfix Onduline®: chiodi o viti universali Onduline®. Calcola il numero di lastre necessarie, sapendo che una lastra EasyFix ha un'area effettiva di 1,32 m2 (81 x 200 cm). Le lastre Easyfix sono adatte per un supporto di copertura continuo (pannelli o listelli) o discontinuo (listello). 2. Il supporto della copertura può essere continuo (pannelli o listelli) o discontinuo (listelli). La pendenza sarà almeno del 15% con un supporto di copertura continuo, ma dovrà essere più pronunciata con un supporto discontinuo. Per funzionare correttamente, è necessario un supporto stabile alla giusta altezza: la scala multiposizione è l'ideale per questo. 3. È fondamentale lavorare in completa sicurezza, da un supporto solido e stabile. Un piccolo ponteggio mobile (scala multiposizione predisposta per questo scopo) funzionerà perfettamente. Iniziare l'installazione sempre dal lato opposto ai venti dominanti. 4. Iniziare sempre la posa con gli elementi rivolti lontano dai venti dominanti.

Ripara le piastre

Fissaggio di un cavo di troppopieno sul tetto. 1. Forare grandi chiodi o viti per travi a ciascuna estremità del bordo dei pannelli del tetto, per tendere una corda tra ciascuna corda, a 7 cm dal bordo del tetto. Iniziamo posizionando i piatti della prima fila, dal basso verso l'alto. 2. Far scorrere le piastre sul supporto del tetto dal basso verso il colmo. La corda tesa alla base dei pannelli del tetto consente un buon allineamento dei pannelli del tetto a sbalzo. 3. Allineare perfettamente la base delle piastre con lo spago precedentemente teso. Si otterrà così una sporgenza del tetto perfettamente regolare. I piatti della prima fila sono avvitati nelle onde. 4. Posare tutte le piastre nella prima fila e fissarle avvitandole nella parte superiore delle onde. Partendo da una mezza piastra, è possibile eseguire un'installazione sfalsata della seconda fila di piastre. 5. Sfalsare la posa della seconda fila iniziando con una mezza piastra. Un piatto impilato può fungere da guida per un taglio netto e uniforme. 6. Sovrapponi un piatto sopra quello che devi tagliare per guidarti nel fare un taglio perfettamente dritto. La copertura delle piastre elimina la necessità di tagli. 7. Per evitare di dover tagliare i piatti, basta giocare sulla sovrapposizione. L'incastro delle guide del rivestimento contribuisce alla tenuta tra le piastre. 8. Per sigillare il tetto, allineare le guide addominali. Le viti universali Onduline® vengono utilizzate per fissare la seconda serie di placche. 9. Fissare le piastre guidando le viti o le punte universali nella parte superiore delle onde. I fissaggi universali Onduline® garantiscono l'impermeabilizzazione totale e duratura del tetto. Attento a non schiacciare le onde! Un preciso ordine dei punti di fissaggio garantisce una distribuzione delle tensioni durante l'installazione delle piastre. 10. Attenzione: fare attenzione a non inserire alcun fissaggio nella parte delle piastre che sarà ricoperta da un'altra piastra o da un listello perimetrale. È necessario seguire un preciso ordine di fissaggio!

Proteggi le sponde e il crinale

I bordi vengono fissati con viti Onduline® o chiodi universali. 1. È ora possibile fissare i bordi utilizzando le viti Onduline® o i chiodi universali. Essendo i bordi asimmetrici, permettono di compensare un gioco di 5 cm tra i piatti e il coperchio. 2. Punta piccola: i bordi essendo asimmetrici, garantiscono di potersi adattare alle lastre, e permettono la correzione di uno spazio fino a 5 cm tra le lastre e il tetto. Il colmo è installato a cavallo dei due lati del tetto. 3. Non resta che installare il colmo, a cavallo dei due lati del tetto. Sovrapporre i tappi di colmo di almeno 12 cm per garantire una buona tenuta. 4. Coprire gli elementi del colmo con almeno 12 cm per garantire una perfetta tenuta a questo livello. Gli elementi della cresta sono avvitati o inchiodati nelle onde delle piastre. 5. Fissare gli elementi con viti Onduline® o chiodi universali, di fronte a ciascun vertice d'onda della placca. Allo stesso modo delle piastre, lavorare sempre nella direzione opposta ai venti dominanti.

Osservazioni

  • Le piastre sono specificamente trattate contro i raggi UV per garantire una luminosità del colore a lunga durata.
  • Possibilità di appoggiare le lastre su supporto continuo o discontinuo.
  • In fase di ristrutturazione è possibile installare le lastre su vecchie scandole, rispettando la distanza di sovrapposizione.
  • Grazie ai fissaggi universali Onduline®, le piastre possono essere fissate sia in legno che in metallo morbido.