Interessante

Zero sprechi: crea il tuo giardino aromatico riciclando

Cosa c'è di meglio di un ciuffo di basilico appena colto per fare un delizioso pesto o un rametto di timo per insaporire una salsa? Le piante aromatiche arredano piacevolmente la casa profumando i preparati. Per gustarlo tutto l'anno è possibile avere un giardino aromatico in modalità zero spreco, in modo economico ed ecologico. Tutte le informazioni che devi sapere per rendere questo progetto un successo.

Crea un giardino aromatico in modalità zero spreco

Cos'è zero rifiuti?

Lo scarto zero consiste nel cambiare le proprie abitudini di consumo per produrre meno sprechi. Promuove la riduzione in termini di trattamento, un processo responsabile, tra gli altri, dell'inquinamento. Ad esempio, utilizzare il riciclaggio per ottenere vasi di piante o coltivare in casa invece di acquistare nei supermercati, sono soluzioni a rifiuti zero.

Giardino aromatico a spreco zero: i buoni motivi per adottarlo

Nonostante le sue piccole dimensioni, un giardino aromatico offre diversi vantaggi:

  • Semplice da realizzare

Per realizzare questo tipo di giardino, sul balcone tra gli altri, puoi semplicemente usare una piccola striscia con assi, ciottoli o disporre alcuni vasi e fioriere.

  • Decorativo

Questo spazio può generalmente ospitare diversi tipi di piante con fogliame e dimensioni diverse, offrendo una bella resa visiva. Gli aromatici sono anche attraenti con la loro resistenza, garantendo un tocco di verde anche in inverno.

  • Ergonomico

All'esterno, un giardino aromatico occupa solo un quadrato di un metro per un metro, spazio sufficiente per ospitare una varietà di piante.

  • Economico

Lo sviluppo di un giardino aromatico può essere piuttosto costoso, il che spiega l'importanza di una versione a scarto zero, derivante dal riciclo sia in termini di fertilizzante che di materiale.

Giardino aromatico da interno: quali piante coltivare?

Oltre al loro profumo inebriante, le piante aromatiche o le erbe hanno un vantaggio comune: si adattano perfettamente temperature miti e al calore di un interno. I più consigliati in termini di resistenza includono:

  • Coriandolo

Facile da coltivare, il coriandolo cerca una buona esposizione al sole e un terreno sabbioso ben drenato.

  • La Basilica

Una pianta solare, il basilico richiede anche una buona esposizione, un terreno ricco e un'annaffiatura sufficiente.

  • Erba cipollina

L'erba cipollina è una pianta perenne che cerca molto sole. In cucina porta un tocco di freschezza con formaggi e uova.

  • Dragoncello

Il dragoncello è una pianta perenne accomodante. Gode ​​particolarmente del sole, con innaffiature minime.

  • Prezzemolo

Il prezzemolo è una delle erbe aromatiche più utilizzate in cucina. Gli piacciono particolarmente gli angoli ombrosi.

  • Timo

Il Timo è una piccola pianta perenne, bassa e robusta proveniente dall'ambiente mediterraneo. È apprezzato per la sua grande resistenza alla siccità.

  • Rosmarino

Il rosmarino è un arbusto mediterraneo rustico. Ama particolarmente il caldo e il sole. Questa pianta viene generalmente utilizzata in una marinata salata, ma anche nella cucina dolce, soprattutto con i frutti estivi.

Giardino aromatico da interno: quali vasi e fioriere utilizzare?

Per avere una piantagione di qualità, è importante scommettere su vasi adeguati:

  • Piccoli vasi in terracotta: benefici

Queste versioni sono apprezzate per la loro naturalezza e l'ottima porosità. Il loro aspetto decorativo autentico li rende anche un'opzione attraente. Per evacuare meglio l'acqua proteggendo i mobili, l'ideale è installare un sottovaso abbinato e impermeabile sotto la pentola.

  • Il vaso riserva d'acqua

Questo modello è una vera soluzione per le piante aromatiche, e per una buona ragione! Ha un compartimento per l'acqua e un sistema dedicato all'idratazione regolare. Dal punto di vista del design, questi vasi sono anche alla moda.

Come rendere rigenerante il tuo giardino aromatico indoor?

Economico e di facile installazione, un giardino aromatico può essere realizzato con materiali di riciclo.

L'attrezzatura necessaria:

  • 3 lattine grandi;
  • 3 baby piante aromatiche;
  • Trucioli o palline di argilla;
  • Terriccio;
  • 4 bulloni di grande diametro;
  • Da 4 a 8 rondelle;
  • 4 noci;
  • Vernice per metallo, preferibilmente verde;
  • Pennello piccolo + vernice di 2 ° colore, preferibilmente bianca.

Passaggi:

  1. Prepara le lattine rimuovendo gli involucri. Puliscili accuratamente, quindi asciugali.
  2. Con gli accessori dedicati, fissa insieme le scatole. Per fare ciò, inizia perforandoli sulla parte superiore e inferiore. Inserisci la vite nella prima scatola, quindi aggiungi due rondelle all'esterno. Posiziona l'altra scatola, quindi fissala saldamente con il dado. Ripeti questa operazione con la terza casella.
  3. Dipingi tutte le scatole di verde o di qualsiasi colore tu scelga. Avere cura di posizionare sotto un giornale o un cartone per evitare possibili macchie sul supporto utilizzato. La fase di decorazione è facoltativa. Puoi disegnare motivi come piccole margherite o denti di leone con le garzette.
  4. Quando si tratta di piantare, inizia riempiendo il fondo delle scatole con ghiaia o palline di argilla. Quindi, aggiungi terriccio, quindi pianta le piantine. Batti bene prima di annaffiare. Il giardino aromatico è pronto.

Suggerimenti per coccolare le tue piante

Lo sviluppo di un giardino aromatico indoor è alla portata di tutti. Per beneficiare a lungo delle foglie fresche, è necessaria una manutenzione regolare su base giornaliera:

  • Il terriccio: preferisci una versione vegetale biologica universale (UAB).
  • Il drenaggio: evitare il trabocco dell'acqua applicando un sottile strato di palline di argilla sulla superficie. Consiglio zero sprechi: usa pezzi rotti di un vecchio vaso di terracotta.
  • L'esposizione: fornisce abbastanza luce naturale alle piante evitando scottature. L'ideale è posizionare la piantagione in un luogo luminoso evitando la luce solare diretta. Per fare questo, a volte non esitare a eliminarli. La veranda è anche un punto privilegiato in termini di luce.
  • L'fertilizzante : Per una crescita ottimale, è necessaria un'applicazione di fertilizzante organico più volte all'anno. Questo gesto permette, tra l'altro, di nutrire le piante rafforzandole.
  • L'irrigazione: annaffiare regolarmente, tenendo conto del fabbisogno idrico di ogni pianta. In effetti, il basilico richiede annaffiature significative, a differenza del timo e della salvia. Quindi, non mancare di vaporizzare queste specie ad alta intensità d'acqua. Aneto, erba cipollina, coriandolo, prezzemolo e cerfoglio hanno un fabbisogno idrico medio.
  • Il formato: se il gambo è troppo alto, tagliatelo subito.
  • Il raccolta differenziata: alla fine della stagione estiva è normale perdere alcune piante aromatiche. Si consiglia di riporli con cura in un armadio in attesa della prossima primavera. Per quanto riguarda le lattine, riciclate nella pattumiera metallica.