Interessante

Piante tossiche in giardino: imparare a riconoscerle

L'avvelenamento da piante è comune, sia nei bambini che negli adulti. Colchico, maggiociondolo, lauro ciliegia, aconito, belladonna ... Le piante velenose o mortali si affiancano alle piante commestibili del giardino. Ingrandisci queste varietà di piante pericolose per la salute.

Piante velenose in giardino

Come fai a sapere se una pianta è velenosa?

Alcune piante sono meraviglie per gli occhi e sono deliziosamente profumate. Nonostante i loro bellissimi fiori colorati e il profumo inebriante, è probabile che lo siano tossico per l'uomo e / o gli animali. Nessuna caratteristica consente loro di essere classificati come pericolosi. Inoltre, è impossibile per l'individuo medio indovinare la tossicità delle piante nel suo giardino. Inoltre, alcune piante sono completamente pericolose mentre altre concentrano le loro tossine solo in:

  • Le loro foglie;
  • I loro steli;
  • I loro frutti;
  • Le loro radici.

Nota che alcune varietà sono sia commestibili che velenose. Tutto dipende dalla parte consumata. Altri sono innocui solo dopo la cottura. Altri ancora sono commestibili crudi, ma diventano velenosi una volta cotti, senza contare che la sensibilità individuale può influenzare il grado di tossicità di una specie. Quindi il modo migliore per evitare incidenti è conoscere una pianta prima di coltivarla in giardino.

Piante selvatiche da diffidare

Ortiche, primule, edera, denti di leone, erbe… Le piante selvatiche aiutano il giardiniere attirando gli insetti impollinatori. Tuttavia, alcune varietà sono pericolose. Peggio ancora, le loro tossine sono potenzialmente fatali. È meglio evitarli in giardino o almeno maneggiarli con cura per limitare il rischio di avvelenamento. Tra le piante selvatiche velenose ci sono:

  • Belladonna

Spesso confuso con il mirtillo, il frutto della belladonna ha un sapore amaro e sgradevole. Attenzione, l'assorbimento di 2-5 bacche è letale nei bambini, rispetto a 10-15 negli adulti.

  • Cicuta

Questa pianta di solito cresce in luoghi freschi come aree abbandonate o siepi. Quando si accartocciano, le sue foglie emettono un odore simile all'urina.

  • Colchicum

Questa pianta bulbosa apprezza i terreni umidi e ricchi. Può causare paralisi, diarrea emorragica o persino nausea.

  • Digitale

Questa pianta è completamente velenosa e basta un semplice contatto per provocare eruzioni cutanee.

  • Lo zafferano enanthus

Lo zafferano enanthus cresce generalmente nella Francia occidentale. Apprezza i terreni acidi e umidi. Questa pianta estremamente velenosa provoca diarrea e vomito se ingerita.

  • La veratre

A volte confusa con la genziana, la veratre è riconoscibile dai suoi fiori giallo-verdi o bianchi. La sua radice è altamente tossica.

Piante rampicanti e arbusti da evitare in giardino

Ecco alcuni esempi di arbusti e piante rampicanti da tenere fuori dal giardino:

  • Oleandro

Questa pianta decorativa seduce con i suoi fiori rosa miele, arancioni, gialli o bianchi. Considerando il suo sapore amaro, un avvelenamento grave è raro. Tuttavia, l'ingestione di una foglia da parte di un bambino di età inferiore a tre anni può essere sufficiente a causare vomito, mal di testa, dolore addominale o anche un polso lento o tachicardia.

  • Il maggiociondolo

Questo arbusto è completamente velenoso. L'ingestione dei suoi semi, foglie o fiori può causare dolori addominali, vomito, problemi cardiaci ... I decessi sono rari, tuttavia.

  • Caprifoglio

Questo arbusto rampicante offre fiori profumati gialli, rosa, bianchi o rossi a seconda della varietà. Fai attenzione alle sue bacche nere e alle foglie che sono molto velenose, soprattutto per i bambini.

  • Glicine

Nonostante il loro profumo dolce, i fiori di glicine sono velenosi, ma il pericolo deriva principalmente dai suoi semi.

Varietà particolarmente tossiche per i bambini

Possedere un giardino fiorito non è sempre una buona idea, soprattutto con i bambini a casa. Rischiano di raccogliere o degustare piante ornamentali, a volte tossiche. Ecco alcuni esempi di varietà pericolose per il contatto o l'ingestione da parte dei bambini piccoli:

  • La datura

Questa formidabile pianta è violentemente velenosa. In caso di avvelenamento, i disturbi digestivi, cardiaci e respiratori possono essere accompagnati da allucinazioni intense e prolungate. Avvertimento ! La datura è una delle piante mortali.

  • Euforbia

Questa pianta produce un lattice estremamente irritante al tatto. Il contatto con la pelle o la bocca può provocare una sensazione di bruciore, gonfiore delle labbra, ipersalivazione ...

  • L'aconito

Questa pianta, soprannominata arsenico vegetale, è altamente tossica. È infatti in grado di provocare la morte nei bambini piccoli. Una piccola quantità è sufficiente (3 g). Meglio metterlo fuori dall'orto. Lo stesso vale per daphne.

Piante pericolose per gli animali

La fauna e la flora non sempre si mescolano bene. In effetti, è probabile che alcune piante causino gravi disturbi negli animali domestici. Ecco un elenco non esaustivo di varietà da evitare per i proprietari di gatti, cani, conigli ...

  • Liliaceae

Giacinto, tulipano e yucca sono pericolosi per gli animali domestici a causa delle tossine nelle foglie e nei bulbi. A basse dosi, queste piante possono causare irritazioni alla pelle, alla bocca o all'apparato digerente.

Altre piante perenni come il sigillo di Salomone e il mughetto contengono sostanze cardiotossiche. Se i loro fiori, foglie o bacche vengono ingeriti pesantemente, è probabile che l'animale sviluppi problemi cardiaci.

  • Il tasso

Questa conifera non resinosa è particolarmente velenosa in inverno e in autunno. L'avvelenamento colpisce principalmente uccelli ed erbivori come i conigli. Eccitazione e tremori sono i primi sintomi. L'avvelenamento può anche causare depressione e sonnolenza negli animali.

  • Iridaceae e Amaryllidaceae

Mangiare foglie o bulbi di iris, narcisi e narcisi è pericoloso per i gatti. L'intossicazione può essere accompagnata da ipersalivazione, diarrea o convulsioni.

Le giuste azioni da adottare per evitare l'avvelenamento

Gli appassionati di giardinaggio che desiderano mantenere piante tossiche nella loro collezione dovrebbero installarle:

  • Fuori dalla portata di animali domestici e bambini;
  • Lontano da terrazze, passaggi e aree giochi.

Inoltre, l'ideale è non consumare piante che non sono riconosciute come commestibili. Si raccomanda inoltre di spiegare ai bambini che alcune varietà sono pericolose e che è vietato:

  • Toccali;
  • Mangia le loro bacche;
  • Mastica le foglie.

Inoltre, si consiglia di indossare guanti evitare il contatto con sostanze tossiche contenute nelle piante. Il lavaggio a mano è necessario anche dopo il giardinaggio. Infine, è consigliabile mantieni le etichette varietà acquistate dai garden center per aiutare gli operatori sanitari a identificare i loro nomi in caso di ingestione.

Come reagire a un avvelenamento accertato o sospetto? È meglio contattare il centro antiveleni più vicino se si presenta uno dei seguenti sintomi:

  • Vomito;
  • Diarrea;
  • Nausea;
  • Dolore addominale ;
  • Disturbi neurologici o cardiaci;
  • Irritazione orale.