Interessante

Ecologia: tutto sull'indice di riparabilità

Teorizzata nel 1932 da Bernard London, l'obsolescenza programmata era originariamente una pratica considerata benefica. Infatti, grazie al continuo stimolo della produzione oltre che del consumo, ha permesso di raggiungere una certa crescita economica. Tuttavia, questo concetto ha uno svantaggio sociale, ma anche e soprattutto ambientale. Infatti, l'acquisto e il riacquisto incessante di prodotti elettrici ed elettronici non può essere fatto senza intensificare allo stesso tempo la produzione di rifiuti. Di fronte agli avvertimenti sull'accelerazione del riscaldamento globale, affrontare l'obsolescenza pianificata è diventata una necessità. A tal fine, la legge anti-spreco ha introdotto la nozione di indice di riparabilità. Panoramica.

Obsolescenza programmata: cosa cambierà

Cos'è l'obsolescenza pianificata?

Questa è una pratica dei produttori di prodotti elettronici ed elettrici ridurre la durata della vita di questi in modo da aumentare il tasso di sostituzione. Questa pratica risponde a una questione economica di aumento dei profitti. In effetti, più velocemente un prodotto raggiunge la fine del suo ciclo di vita, più velocemente il consumatore lo ricomprerà e più guadagnerà il produttore. Tuttavia, da parte del consumatore, questo processo pesa sul potere d'acquisto, in quanto lo condanna a riacquistare più volte lo stesso prodotto.

Esistono tre tipi di obsolescenza pianificata:

  • Obsolescenza tecnica. In questo concetto, un componente del prodotto ha una durata limitata e non è riparabile. È anche che non sono disponibili pezzi di ricambio. È il caso, ad esempio, del telefono con batteria incorporata. Quest'ultimo ha generalmente una durata relativamente breve e non è riparabile. L'utente è quindi obbligato a sostituire il telefono non appena la batteria è danneggiata.
  • Obsolescenza estetica. In questo caso, un'azienda pubblicizza i meriti di un nuovo prodotto poco dopo il rilascio del precedente. Quindi utilizza la pubblicità per convincere che il nuovo è più efficiente al fine di incoraggiare un nuovo acquisto.
  • Obsolescenza del software. È l'obsolescenza di un dispositivo che risulta dalla sua incompatibilità con una nuova versione di software o un'applicazione.

Questa pratica è stata punita come un crimine in Francia dal 2015.

Quali sono gli impatti dell'obsolescenza programmata sull'ambiente?

In origine, l'obsolescenza pianificata veniva utilizzata come strumento per rivitalizzare i consumi in un'economia sull'orlo del fallimento. Infatti, più i consumatori acquistano, più le aziende sono propense ad aumentare la propria produzione e quindi ad assumere di più. Il risultato è la crescita economica. Con il senno di poi, tuttavia, diverse associazioni (Stop a Programmed Obsolescence o Friends of the Earth) hanno iniziato a denunciare questa pratica a causa delle sue conseguenze dannose, in particolare sull'ambiente:

  • Un aumento della produzione di rifiuti. Un francese produce 573 kg di rifiuti all'anno e butta via in media 9 dispositivi elettrici ed elettronici. Per non parlare del costo che questo rappresenta, l'eliminazione di una tale quantità di rifiuti contribuisce inevitabilmente a una rete aumento del tasso di inquinamento.
  • Uno sfruttamento eccessivo, persino uno spreco di risorse naturali. Ad esempio, realizzare uno smartphone richiede 70 componenti, alcuni dei quali rari, oltre a una grande quantità di energia. Tuttavia, la domanda di alta tecnologia continua ad aumentare, il che aumenta la pressione ecologica della loro produzione.
  • Un aumento delle emissioni di CO2. Infatti, la produzione, il trasporto, lo stoccaggio e la gestione del fine vita di un dispositivo elettrico o elettronico sono processi che emettono CO2. Pertanto, più aumenta la produzione, maggiore è l'emissione di CO2.

Un indice di riparabilità sui dispositivi elettrici ed elettronici per combattere l'obsolescenza programmata

Misura di punta di legge anti-spreco, l'introduzione dell'obbligo di esporre un indice di riparabilità sui dispositivi elettrici ed elettronici mira a prolungare la durata di vita di questi ultimi. In concreto, sarà un logo che dovrà essere "apposto direttamente sul prodotto o sulla sua confezione e nel punto vendita". Verrà quindi visualizzato un punteggio da 1 a 10 destinato ad indicare il livello di facilità di riparazione del prodotto in questione. Testato per la prima volta su cinque categorie di prodotti pilota (smartphone, laptop, lavatrici, televisori e tosaerba), il dispositivo dovrà estendersi a un maggior numero di prodotti elettrici ed elettronici.

Gli obiettivi dell'indice di riparabilità sono:

  • Dal lato del consumatore, controllare la qualità di un prodotto per confrontarlo con un altro prima dell'acquisto;
  • Per quanto riguarda i produttori, incoraggiarli a migliorare la durata e quindi la qualità e la robustezza dei loro prodotti per rimanere competitivi.

Questa misura dovrebbe essere applicata dal 1 ° gennaio 2021. Con la sua attuazione, il governo francese mira ad aumentare il tasso di riparabilità dei prodotti elettrici ed elettronici dal 40% al 60% entro cinque anni.

Tuttavia, questa misura è considerata insufficiente da molte associazioni che ritengono che il maggiore ostacolo che impedisce ai consumatori di ricorrere alla riparazione risieda nel costo della stessa.

Alcune azioni da adottare per contrastare l'obsolescenza programmata

Chiamata anche obsolescenza organizzata, l'obsolescenza programmata mira a spingere sempre al consumo a vantaggio dei produttori ea scapito del pianeta. Tuttavia, si può resistere seguendo alcune semplici pratiche:

  • Resisti alla richiesta di novità. È normale che i produttori continuino a lodare i loro prodotti. Tuttavia, il consumatore può anche scegliere di ignorarli. Perché sostituire uno smartphone quando funziona ancora molto bene?
  • Impara e confronta prima di acquistare per scegliere un dispositivo di qualità. Anche a costo di pagare di più, tanto vale acquistare un prodotto con durata garantita piuttosto che correre il rischio di acquistarne uno più economico che deve essere sostituito dopo un anno.
  • Optare per dispositivi di seconda mano. Oggi esistono piattaforme innovative per l'acquisto di smartphone usati e altri elettrodomestici riparati da produttori esperti. Back Market, ad esempio, è diventato noto grazie al concetto di riconfezionamento.
  • Sottoscrivi una garanzia estesa.
  • In caso di guasto del dispositivo, esistono diverse soluzioni per ripararli chiamando un riparatore o seguendo ad esempio un tutorial online. Tuttavia, se tutti i tentativi falliscono, c'è un'ultima possibilità di fare qualcosa di buono per il pianeta. È quindi sufficiente, ad esempio, restituire il dispositivo utilizzato a un centro risorse. Il dispositivo potrà così trovare una seconda vita essendo deviato verso un altro lavoro o fornendo pezzi di ricambio per un altro dispositivo.

Agire per una maggiore sostenibilità del prodotto: un interesse condiviso tra consumatori e produttori

Non si può negare che avere un dispositivo più robusto sia un vero vantaggio per il consumatore. Infatti, nonostante un costo probabilmente più elevato, sarà compensato dall'assenza di costi di riparazione per un periodo prolungato. Da parte sua, anche l'azienda produttrice avrà la sua quota di profitto in questa lotta contro l'obsolescenza programmata dei suoi prodotti. Potrà infatti realizzare dei risparmi tenendo conto della riduzione della spesa pubblicitaria, perché si allungherà il periodo tra il lancio di due prodotti. Inoltre, investire nella sostenibilità è una leva per l'innovazione che sarà vantaggiosa per le aziende francesi.