Interessante

Il carbone è cancerogeno?

Ho appena appreso dalla televisione che gran parte del carbone venduto in Francia contiene un veleno violento molto cancerogeno. Cosa ne pensi? Dovremmo smettere di usarlo prima di saperne di più?

Cravatte ferroviarie, ma anche pali telefonici ed elettrici in legno contengono creosoto e sali di rame - cromo - arsenico legati ai loro trattamenti protettivi.

Il creosoto è altamente cancerogeno e conosciamo gli effetti dell'arsenico ...! Questi boschi vengono regolarmente rimossi dalla loro funzione iniziale (ferrovie, linee telefoniche ed elettriche, ecc.) A causa dell'ammodernamento delle reti. E finiscono sul mercato dove i produttori li riacquistano e li rivendono in forme diverse senza alcun controllo reale.

Questi legni vengono riutilizzati per fare pontili, terrazze, recinzioni, bordure, se non per realizzare travi e architravi nelle nostre case, situazioni che già da tempo denunciavo. Come possiamo permettere terrazze o pontili (sui quali camminiamo regolarmente a piedi nudi) con tale legno, quando sappiamo che il creosoto, contenuto in dosi elevate sulla superficie di queste traversine, rischia di provocare il cancro? Per semplice contatto con la pelle!

Ma la cosa più straordinaria è che abbiamo appena appreso che un'azienda situata nel Lot ha riciclato le traversine SNCF riformate per fare ... carbone. Abbiamo la certezza che il trattamento subito elimina ogni rischio per la salute ... O addirittura! Credo nel rimanere cauto e, in effetti, nell'astenermi dall'usare qualsiasi carbone. Penso che possiamo comunque fidarci di alcuni prodotti che provengono chiaramente da filiali come spesso si trovano nei sacchetti di carbone di qualità "da ristorante". alcuni produttori indicano chiaramente di utilizzare solo legno proveniente da foreste, anche da foreste gestite in modo sostenibile. Dovrebbero essere favoriti! Un esempio: EDENGRILL carbone di legna.

Il Ministro dell'Ambiente - Madame JOUANNO - ha affrontato il problema generale dell'eliminazione di questi rifiuti attraverso una Carta appena firmata tra le parti interessate (vedi COMUNICATO STAMPA del Sottosegretario all'Ambiente). Vi invito a consultarlo.